giovedì, marzo 12

Diventare mamma

E' la prima volta che dedico al mio blog un post che non riguarda una torta o un piatto di pasta, il mio blog è un diario dove scrivo di emozioni legati alla cucina ma anche al cuore.
Oggi voglio scrivere di sentimenti,di forti emozioni, di paure e di gioie legate alla parole MAMMA.
Sono già trascorsi 5 mesi da quando sono diventata mamma e il tempo insieme a lui mi sembra che sia come olio tra le dita.
Avrei voluto essere mamma prima di questi 5 mesi perchè ho imparato a vivere per davvero e a guardare la vita con più leggerezza proprio come fanno i bambini.
Ricordo ancora come se fosse ieri quando per la prima volta ti stringevo fra le mie braccia, ricordo il mio cuore che batteva così forte, la bocca tremolante e l'unica cosa che sono riuscita a dirti è stato: GRAZIE.
La gravidanza mi ha cambiata, diventare madre mi ha plasmato il cuore e solo oggi do la giusta misura alle cose.
Non mi arrabbio se alle 11 sono ancora in pigiama nel letto con te a coccolarci e a farci il solletico al pancino ma cerco di vivermi quel momento in pieno perchè so che quel momento non tornerà più.
Non mi affliggo se per tre mesi non compro nulla per me ma solo tutine, pannolini e pigiamini.
Non passo giornate intere nel bagno a spalmarmi creme idratanti e a farmi maschere di bellezza ma la doccia ora la faccio in 10 minuti perchè non vedo l'ora di metterti la giacca e portarti a esplorare il mondo.
Non importa se sono stanca perchè mi dedico a te tutto il giorno da sola ma sono felicissima perchè è sempre stato il mio desiderio più grande.
L'unica cosa che può contenere la parola per sempre è solo un figlio.
Tu sei il dono più prezioso che il cielo potesse farmi e per questo non smetterò mai di ringraziarlo.
Sapete qual'è la domanda che spesso faccio alle mamme?
"Qual'è la cosa che più ti è rimasta dentro e che non dimenticherai mai da quando sei mamma".
Voi cosa rispondereste?
La mia risposta è: il 28 settembre 2014 quando per un attimo ho immaginato di potermene andare senza poter abbracciare per l'ultima volta mia figlio.
La mia paura era così grande che i dolori strazianti, le facce disperate dei medici e delle ostetriche erano nulla in confronto.
Forse quel giorno ho capito tante cose della vita che prima ti da ma che da un momento all'altro può toglierti tutto.
Nella mia testa passavano una serie di immagini che avevo vissuto nella mia vita di cui mi pentivo e mi son detta: "Tea se ce la farai dovrai vedere la vita con occhi diversi e accettare ma soprattutto ringraziare ogni giorno di essere dove sei".
Scrivo queste righe con le mani tremolanti perchè è un ricordo così vivo che mi fa tanto male.
Ricordo gli occhi di mia mamma, lei che è sempre stata la donna più forte della famiglia, lei che ha sempre dato coraggio e forza a tutti in quei giorni ero che io che le tenevo la mano e le dicevo: "mamma vedrai ce la farò, lo devo a Gregorio".
Non voglio entrare nei dettagli o spiegarvi cosa mi sia accaduto quel 28 settembre 2014 ma quello che voglio dirvi è che nonostante ciò che vi ho raccontato diventare mamma è la cosa più bella che mi sia capitata e che nonostante tutto ripeterei la mia esperienza altri mille mila volte.
Quello che un figlio può donare è qualcosa che va oltre le parole, oltre ai gesti e oltre le emozioni.
Lui è, sarà ed è stata, proprio come in quella notte del 28 settembre, la mia sola e unica forza.
 Ti voglio bene mio piccolo grande uomo.


4 commenti:

  1. Adorabile questo tuo post. Anche io il giorno della nascita di mia figlia ho provato attimi di terrore puro. Non l'ho sentita piangere, come avevao sempre immaginato, non l'ho vista mentre la portavano via per rivederla dopo ore. Avrei tanto voluto vivere il primo abbraccio sulla pancia, come nei film e come nella mia immaginazione avevo sperato mille volte. Ma oggi, mi godo ogni istante, perchè è il bene più prezioso. Ti abbraccio Tea.

    RispondiElimina
  2. Hai ragione Tea.... il giorno che rimane impresso nella vita di una donna è quello del parto qualunque esso sia stato perchè è sfociato nell'abbracciare i ns figli.... Condivo appieno.
    E fai benissimo a goderti ogni momento... non avere fretta di andare da nessuna parte.... perchè il piccolino e sopratutto noi mamme abbiamo tanto bisogno di vederli crescere è cosi bello e fanno cosi in fretta... uffi....
    Ciao e un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Tea che emozione... anche io esperienza chiamiamola "particolare", ma che rifarei mille mila volte. Ora la vita è vita, ha un altro sapore, un altro colore, un'altro tutto!
    Siamo sulla stessa barca... e che barca: è proprio il caso di dire LOVE BOAT!
    Bacioni

    RispondiElimina
  4. le tue parole mi hanno fatto emozionare e non smetto di piangere. Non esiste amore più grande di quella per un figlio. La mia unica preghiera è quella di non doverli mai vedere soffrire e perdere, non chiedo altro alla vita.
    Il tempo passa troppo in fretta e molte volte ho nostalgia dei momenti che non torneranno più....
    Un abbraccio a te e al tuo bellissimo Gregorio 😀

    RispondiElimina