giovedì, febbraio 28

Muffin con pancetta e fave

La primavera si avvicina e con essa anche le scampagnate e i pic-nic in montagna.
Quanto mi piace pranzare in mezzo all'erba seduta davanti ad un ruscello,sentire il vento tra le foglie degli alberi e il sole in faccia che mi riscalda.
Nel mio cestino metto di tutto frutta,panini,insalate di pasta o riso,crocchette e anche i muffin sia dolci che salati.
Sono veloci da preparare e molto pratici da portarsi dietro durante le uscite fuori porta.
Voi solitamente cosa preparate per i vostri pic-nic?

Ingredienti per 12 muffin

200 g di farina
200 ml di latte
50 g di burro fuso
1 bustina di lievito
1/2 cucchiaino di cumino
salvia tritata
1/2 cucchiaino di fior di zafferano
un pizzico di sale
noce moscata
2 uova
60 g di fave
50 g di pancetta affumicata

In una ciotola sbattete le uova con il latte e il burro fuso,aggiungete una grattatina di noce moscata
 




Incorporate la farina,il pizzico di sale e tutti gli ingredienti secchi;mescolate con cura ed infine aggiungete le fave e la pancetta.



Riempite i pirottini con il composto e infornate a 180° per 15-20 minuti.
Se volete rendere i vostri muffin un po' "diversi" aggiungete prima di infornare al centro un uovo crudo  et voila' il risultato.




Oggi Francesca Gonzales di spadelliamoinsieme.com scrive di me su Bigodino.it correte a leggere


lunedì, febbraio 25

Carrot cake

Non esiste candela,incenso o profumatore che possa sostituire l'odore di una torta infornata;il suo meraviglioso profumo invade tutta la casa e dura per ore.
Ogni casa ha un proprio odore,che descrive perfettamente le persone che la abitano.
Mi piace entrare nelle case dove l'odore che prevale e' quello di una casa che vive insieme a ciò che la riempie: il cibo,i fiori,il camino,le spezie.
AMO le case vissute quelle in cui quando entri ti parlano e ti raccontano delle persone che ci vivono.
Amo le case perfette nella loro imperfezione,le case che esprimono sentimenti ed emozioni,le case dove la cucina ha un certo disordine,dove la dispensa conserva barattoli di ogni tipo di conserva dolce o salata messa sulla mensola con tanto amore e li dove l'attesa per essere gustate e' tanta,le case dove le pareti sono decorate da foto di ricordi,sorrisi,un viaggio,un figlio o una nonna che vive nella foto come se fosse tutti i giorni li con noi,la credenza piena di piatti e posate che ogni volta che vengono usate ci ricordano di chi erano e con quanto amore ci sono state regalate.
Amo la mia casa come se fosse parte di me,lei mi riscalda nelle fredde giornate d'inverno e mi tiene compagnia nei momenti di solitudine.
La amo nella sua imperfezione e nel suo essere così come IO la voglio.

 


Ingredienti per la cake carrot

300 g di zucchero
3 uova
300 d'olio di semi di girasole
300 g di farina
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 cucchiaino di zenzero
1 cucchiaino di cannella
1/2 cucchiaino di sale
1/4 cucchiaino di estratto di vaniglia
300 g di carote grattugiate
100 g di noci


 
Preriscaldate il forno a 170 .
Mettete le uova,lo zucchero e l'olio in uno sbattitore elettrico e rendete il composto ben spumoso.
Aggiungete tutti gli ingredienti secchi e mescolate fino ad amalgare tutto per bene,infine aggiungete le carote e 50 g di noci sminuzzate.
Mescolate per 2 minuti.
Infornate la torta per 25 minuti circa.

Questa volta ho voluto preparare anche il frosting alla vaniglia per ricoprire la torta
Ecco gli ingredienti

250 g di zucchero a velo
80 g di burro
25 ml di latte tiepido
1 cucchiaino di estratto di vaniglia

Mettete lo zucchero e il burro in uno sbattitore e amalgamate per 3 minuti,aggiungete il latte e l'estratto di vaniglia.
Ricoprite la torta con il frosting e decorate con le noci rimaste







mercoledì, febbraio 20

Kouglof

Ho assaggiato per la prima volta questo magnifico dolcetto a Praga e devo dire che me ne sono praticamente innamorata.
Mi ricordo che stavamo facendo un giro al mercato,bancarelle ricche di ogni bonta' che gli occhi possono vedere,profumo di spezie,il prosciutto che veniva affettato all'istante e servito su panini caldissimi,ma il profumo dei kouglof appena sfornati non potro' mai dimenticarlo.
Credo di averne mangiate una ventina durante il mio soggiorno di due giorni a Praga(mio marito ha anche girato un piccolo video,a mia insaputa,mentre li mangio e sinceramente sembro che non taccavo cibo da anni).
La morbidezza e il suo profumo di limone mi fanno impazzire,l'unico difetto?
Occorre tanto tempo per prepararli infatti li faccio molto raramente.




Ingredienti per la pasta

150 g di uva passa
280 g di farina 00
40 g di zucchero semolato
5 g di sale
10 g di lievito di birra
180 g di burro
4 uova

per lo sciroppo al limone

200 cl di acqua
300 g di zucchero
20 g di estratto di limone

Versate la farina in una ciotola e disponete lo zucchero e il sale da un lato,poi il lievito sbriciolato dall'altro.
In una ciotola sbattete le uova.Versatene un quarto nella ciotola e mescolate;incorporate poco alla volta le uova rimaste e aggiungete l'uva passa.
Impastate il composto con le mani e aggiungete il burro tagliato a pezzettini e continuate ad impastare.
Trasferite la pasta in un recipiente e copritela con un canovaccio inumidito e sistematela in un luogo abbastanza caldo.Lasciatela riposare per 3 ore circa.
Trascorse queste ore lavorate nuovamente con le mani e trasferitela in frigo per 2 ore.
Imburrate gli stampi.
Con le mani formate delle palline e inserite negli stampi schiacciando un pochino con le dita.
Preriscaldate il forno a 180°.Infornate i Kouglof per 20 minuti.
Sfornate i kouglof e passateli nello sciroppo tiepido,spennellate con il burro fuso e spolverizzate subito con zucchero a velo o cannella se preferite



Io scappo i kouglof mi aspettano in cucina

martedì, febbraio 19

Gamberoni al miele di rose con crocchette morbide di ceci

Ci sono cose e momenti che vanno necessariamente gustati.
Seduti ad un tavolino di un bar a bere una densa cioccolata calda cosparsa di meringhe,camminare con passo lungo e deciso per non rischiare di perdere il treno ma fermarsi comunque a guardare quel tramonto cosi emozionante,soffermarsi davanti ad una panetteria e respirare l'odore del pane appena sfornato.
Ci sono momenti che bisogna vivere con calma e tranquillita',pace e silenzio.
Dobbiamo trovare il modo di godere di attimi che ci sembrano speciali.
La ricetta di oggi e' un piatto che va gustato fino in fondo assoporandone tutti i suoi sapori decisi e dolci.



Ingredienti per 2 persone

20 gamberoni
60 g di miele di rose
1 pizzico di sale
50g di burro
1 pizzico di pepe bianco in polvere

per le crocchette di ceci

200 g di ceci gia' ammollati
1 cucchiaino di sale
una cipolla piccola
2 mazzetti di prezzemolo
1 cucchiaio di coriandolo in polvere
2 spicchi d'aglio
peperoncino in polvere
olio per friggere
sale e pepe

Scolate i ceci e frullateli con una presa di sale fino ad avere un composto granuloso.Aggiungete la cipolla tritata,il prezzemolo,l'aglio pestato fine,2 prese di peperoncino e il coriandolo,frullate ancora e unite una manciata di pepe.
Preparate tante polpettine e friggetele nell'olio caldo per 4 minuti,scolatele e asciugatele su carta da cucina.

Sgusciate i gamberoni e fateli rosolare con il burro in una padella antiaderente;aggiungete una cucchiaiata di miele di rose e fate cuocere per 3 minuti.
Sistemate le crocchette su piatti individuali e aggiungete i pezzi di gamberoni,salate,pepate e gustate immediatamente.




Potete preparare questo piatto per una cenetta romantica con il vostro lui che ne dite?


lunedì, febbraio 18

Minestra di orzo,legumi e zenzero

Eccoci di nuovo insieme per iniziare una nuova settimana.
La mia influenza e' ancora con me e non si decide ad abbandonarmi,stanotte e' stata un'altra nottataccia.
Mi sento come se cento bambini avessero giocato su di me.
Ieri l'ho passata sul divano/poltrona,poltrona/divano sorseggiando bibite caldissime con la speranza di sentirmi un po' meglio ed invece nulla ma sono ottimista e sono sicura che domani staro' meglio.
Ieri per il pranzo domenicale ho preparato una semplice minestra e oggi voglio condividerla con voi

Ingredienti per 4 persone:

200 g di farro
200 g di borlotti secchi
200 g di ceci secchi
1 cipolla
1 carota
1 costa di sedano
3 cucchiai di salsa di pomodoro
3 cucchiai di olio extravergine d'oliva
2 cucchiaini di zenzero in polvere
sale e pepe
pane alle noci

Mettete i fagioli e i ceci a bagno separatamente per 12 ore.
Sgocciolateli e sciacquateli bene con acqua tiepida.
Tritate la cipolla e fatela appassire,poi aggiungete la carota e il sedano lavati e tritati.Fate rosolare il tutto in una pentola,unite la salsa di pomodoro,il sale e il pepe.
Versate nella pentola 1.5 l d'acqua tiepida e quando l'acqua iniziera' a bollire aggiungete i ceci e fate cuocere per 1 ora.Unite i fagioli e l'orzo e proseguite la cottura per 50 minuti,finche' l'orzo e i legumi saranno ben teneri.
Versate nei piatti fondi e insaporite con un pizzico di zenzero e servite in tavola,accompagnando la minestra con pane alle noci.

Vi piacciono le minestre?
Avete qualche ricetta particolare da consigliarmi?
Buona giornata e buon inizio settimana a tutti
Tea


venerdì, febbraio 15

Risotto con fave,speck e pecorino

È da due giorni che ho l'influenza,mal di gola e raffreddore di notte non mi lasciano dormire infatti mi sento a pezzi.Ma nonostante ciò nessuno mi allontana dai fornelli.
Per la cena di stasera ho deciso di preparare questo insolito risotto con le fave






Ingredienti per 4 persone

300 g di riso
una cipolla bianca
250 g di fave sgranate
un litro  di brodo
30 g di pecorino romano grattugiato
20 fettine di speck
olio extravergine d'oliva
peperoncino in polvere

Scottate le fave per due minuti in acqua bollente,sgocciolatele e passatele una a una fra le dita per eliminare la pellicina.Soffriggete la cipolla tritata in una casseruola con 4 cucchiai di olio extravergine.Unite il riso e lasciatelo tostare per 2 minuti.
Aggiungete anche le fave,versate due mestoli di brodo e mescolate.
Proseguite la cottura del riso per 16 minuti bagnando con il restante brodo.
Scaldate una padella antiaderente e rendete croccante lo speck.
Togliete il risotto dal fuoco e incorporate il pecorino grattugiato,lo speck e un pizzico di peperoncino.
Prima di servire il risotto lasciate riposare qualche minuto e poi servite subito.





Ora corro a lavoro,un abbraccio e buon fine settimana
Tea

mercoledì, febbraio 13

Coniglio alle albicocche

Stamattina l'aria era particolarmente fredda,i tetti ancora innevati e il cielo piu' azzurro che mai.
Ma sono l'unica che sento nell'aria gia' l'odore della primavera?
Sento gia' l'odore degli aromi che spuntano silenziosamente sul davanzale della cucina,i colori dei fiorellini ai bordi della strada che va nei boschi,gli uccellini che fischiettano felici e il calore leggero del sole che scalda amorevolmente la nostra pelle.
Amo la primavera come amo l'autunno,amo le mezze stagioni come amo la via di mezzo del resto :-).
Non vedo l'ora di abbellire le mie aiuole di fiori,di sapori,di passeggiare in bici in mezzo ai stupendi colori che solo la campagna puo' regalarmi,penso alle passeggiate in montagna dove passiamo intere giornate a raccogliere erbette per preparare il giorno dopo delle buonissime frittatine,sogno cene in giardino sotto il cielo stellato,penso ai miei vestiti di cotone che regalano alla mia pelle quel senso di leggerezza e freschezza.
Sento che la primavera sta arrivando e io l'aspetto come una bimba felice che aspetta Babbo Natale.
Intanto che aspetto la primavera continuo a preparare pietanze che di primavera hanno ben poco.

Ingredienti per 4 persone

1 coniglio gia' pulito tagliato a pezzi
12  albicocche snocciolate
40 g di burro
2 cucchiai di olio d'oliva extravergine
12 chidi di garofano
1 dl di brendy
sale e pepe

In una casseruola di terracotta fate imbiondire il burro e l'olio con i chiodi di garofano;unite e pezzi di coniglio e rosolateli.
Salate,pepate,spruzzatecon il Brandy e fatelo evaporare.
Unite le albicocche e 1 mestolo di acqua bollente e portate a cottura.
Togliete il coniglio e servite ben caldo.

 
Un saluto
Tea

martedì, febbraio 12

Carbonara con zucca croccante

Nella mia vita ho sempre avuto bisogno di avere certezze,loro riescono a farmi sentire al sicuro,possono tranquillizzarmi quando mi trovo in un momento di sconforto.
Le certezze mi hanno aiutata a crescere,maturare,mi hanno reso la donna che sono oggi e senza di loro non sarei la stessa persona.
Mi hanno aiutata a mantenere valori,quei valori che la mia famiglia mi ha trasmesso,essere capace di camminare per la propria strada senza voltarsi a guardare cio' che fanno gli altri,dire NO quando bisognava farlo anche se costava sacrificio,riuscire ad ottenere cio' che voglio solo con il mio lavoro e con il mio sacrificio,costruire la mia vita sulle basi di cio' che i valori mi hanno insegnato e trasmesso.
Avevo solo 20 anni quando la certezza di lasciare la mia casa,la mia famiglia,i miei amici per rincorrere un futuro e una vita che avevo sempre sognato,ma costato tanto,tanta malinconia,tanta tristezza ma tante tante e tante soddisfazioni.
La certezza in quel momento era LEI,l'amica che c'era,c'è e ci sara' sempre lo so...
Colei che mi ha afferrato la mano e mi ha aiutata a scoprire un mondo nuovo,mi ha incoraggiata quando le speranze stavano svanendo,colei che nei momenti di festa mi ha aperto la sua casa e mi ha accolta come fossi una sorella alleviandomi il dolore per l'assenza dei miei cari cosi' distanti da me.
La certezza e' stata quel lavoro arrivato quanto meno me l'aspettavo che mi ha maturata,cambiata e fatta crescere.
Le certezze sono stati quei viaggi che hanno dato ai miei occhi paesaggi nuovi,odori e sapori cosi' diversi ma unici.
La certezza e' mia sorella,che sento come una figlia,una persona da curare,aiutare e a cui asciugare le lacrime nei suoi momenti peggiori,darle parole di conforto quando le sue orecchie ne hanno bisogno.
La mia certezza e' la mia vita,quella di oggi,costruita sulla base di rinunce,sudori versati e lotte interiori,la mia certezza sono le persone che mi sono accanto tutti i giorni ed e' grazie a loro se oggi sono quella che sono.







In cucina non posso che avere anche una certezza quella e' la CARBONARA.
Il procedimento e' perfettamente uguale alla carbonara classica ma invece di far rosolare la pancetta lo fate con la zucca.
E gnam il risultato e' questo

 
 
Buona giornata a tutti
Tea

lunedì, febbraio 11

Cupcake innamorati

Non amo particolarmente festeggiare San Valentino,non ho mai pensato di regalare qualcosa a mio marito proprio quel giorno,quando voglio comprare per lui qualcosa di speciale o andare a cena fuori di sicuro non aspetto il 14 febbraio.
Credo sia importante ricordarsi della persona che amiamo tutti i giorni con piccoli ma grandi gesti.
Appoggiare un bigliettino con una frase sul sedile della sua macchina per ricordargli quanto sia importante,preparargli il suo piatto preferito,stare accanto a lui anche quando ha la febbre e la tosse che sembra di avere nel letto un trattore,aspettarlo davanti la porta di casa quando esce da lavoro e salutarlo ogni volta che rientra a casa con un bacio,non tenere il muso quando ha allenamento e farlo sentire in colpa che ci sta lasciando da sole.
Ogni giorno che passiamo accanto alla persona che amiamo e' una scoperta,ogni giorno dev'essere come se fosse il primo,dedicargli i nostri sorrisi,il buonumore(anche se a volte ci sembra impossibile),ascoltarlo quando ha bisogno di noi,tenergli la mano e aprirgli il nostro cuore quando NOI ne abbiamo bisogno.
Il cammino dell'AMORE è un cammino lungo,fatto di ostacoli,fatto di lacrime,sorrisi,feste,baci,risvegli sotto le stelle e nottate in bianco,di litigate,di ritardi,di sorprese e di battiti del cuore cosi' forte che a volta sembra che ci manchi l'aria...
L'AMORE quello vero e' questo e per lui tutti i giorni e' SAN VALENTINO.

Oggi voglio mostrarvi questi fantastici cupcake che racchiudono al loro interno un cuoricino,credo sia un'idea fantastica da preparare per un'anniversario o proprio per San Valentino.

Ingredienti per 12 cupacake
45 g di latte intero
3 uova grandi
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
170 g di farina tipo O
150 g di zucchero
1 cucchiaino di lievito per dolci
150 g di burro
colorante alimentare rosso






Preriscaldate il vostro forno a 170°C.
Mescolate il latte,le uova e l'estratto di vaniglia in una ciotola e tenere da parte.




Mettete gli ingredienti secchi nel contenitore dello sbattitore elettrico e sbattete lentamente per qualche secondo.Aggiungete il burro e meta' del composto a base di uova.
Sbattete a bassa velocita' fino a quando tutti gli ingredienti saranno inumiditi.Aumentate la velocita' e sbattete per altri 2 minuti.
Aggiungete il resto del composto a base di uova e continuate a sbattere energicamente per 1 minuto.
Togliete 1/4 dell'impasto ottenuto e colorate con il colorante rosso.
Mettete l'impasto colorato in una teglia e cuocete per circa 10 minuti.
Nel frattempo riempite i pirottini per cupcake con l'impasto rimasto.



Una volta che l'impasto colorato e' cotto,ritagliate dei cuoricini con un tagliabiscotti e inseriteli al centro dei cupcake.
Cuocete per circa 20 minuti a 170°








Vi piace l'idea?Sono davvero semplici da fare ma di grande effetto.
Buon inizio settimana a tutti


venerdì, febbraio 8

Waffeln

Non so se si é capito ma io amo fare colazione soprattutto la domenica quando con me c'è anche mio marito.
Svegliarmi prestissimo,aprire la finestra e correre in cucina a scaldare il latte,preparare il caffe e afferrare una padella, prendere dal frigo le uova,farina dalla dispensa  e burro dando vita a crepes,pancake e...waffeln.

Non esiste miglior risveglio per me.

Conoscete i waffeln?Io li ho scoperti in Germania grazie a mia cugina,infatti è stata proprio lei a regalarmi la piastra per cucinarli.
 

Ecco a voi la ricetta:

500 g di farina
4 uova
1/2 l di latte caldo
250 g di burro
200 g di zucchero
una bustina di lievito
potete scegliere se inserire nell'impasto:buccia di limone o d'arancia,cannella,mandorle tritate o scaglie di cioccolato.

Mescolate tutti insieme gli ingriedienti fino a ottenere una pastella liscia ed omogenea.
Scaldate la piastra e imburratela.
Le dosi sono per circa 10 waffeln




Farciteli con marmellate,crema di pistacchi e sciroppo d'acero





 
Buon fine settimana
Tea

giovedì, febbraio 7

Plumcake del mattino

 Ci sono giorni in cui l'unica cosa che vorrei fare é oziare sul divano,leggere un bel libro ascoltando musica,ma ahimè non sempre ciò è possibile.
Allora mi sforzo per cercare di fare uscire un sorriso sulle mie labbra e pensare che quel giorno passerà in fretta.
Non esiste momento più bello per me quando sono nella mia cucina,tra l'odore dell'aglio e quello del ragù che sta cuocendo,avere le mani sporche di farina mi rilassa,in cucina io sono FELICE punto e basta.Molto spesso mi chiedete dove trovo il tempo per preparare le ricette che condivido con voi e la mia risposta sapete qual'è?
Il tempo per le cose che amiamo lo si trova sempre,anche a costo di sacrificare due o tre ore di sonno,anche quando i miei occhi e la mia testa sono così stanchi che l'unica cosa che vorrei fare e' sprofondare la testa nel cuscino.
Quando si ha una passione così grande non esiste niente che possa fermarti.
I sogni e le passioni vanno inseguiti,una vita senza sogni e' come una torta margherita senza farina.
Il mondo che ci circonda non deve condizionare le nostre scelte,non deve cancellare le nostre aspirazioni,ne modificare ciò che siamo.
Qualsiasi sia il vostro sogno continuate a seguirlo con amore e costanza
La felicità e' il raggiungimento dei vostri sogni 
 
 
Ingredienti per il plumcake del mattino
280g di farina
6 uova
350 g di zucchero semolato
1,4 dl di panna fresca
un cucchiaino di lievito vanigliato
100 g di burro
 
Sbattete le uova in una ciotola con lo zucchero semolato e un pizzico di sale per 3 minuti.Unite la panna e la farina setacciata con il lievito e il burro fuso,continuate a lavorare fino a ottenere un impasto liscio.
Trasferito l'impasto in uno stampo da plumcake rivestito da carta da forno e cuocete per 200° per 10 minuti.Abbassate la temperatura a 180° e cuocete per altri 45 minuti.
Prima di servire lasciatelo raffreddare completamente.
Potete servire la torta con delle arance tagliate a dadini con un po' di miele.
 
Non aspettate che arrivino ospiti per pranzo per preparare un dolce,ogni momento e' buono per coccolarsi e prendersi cura di se' stessi e delle persone che amiamo.
 
Tea
 
 

martedì, febbraio 5

Cavolo rosso farcito con uvetta e cumino

Settimana scorsa la mia amica mi ha regalato un bellissimo cavolo rosso del suo orto,solitamente uso il cavolo per preparare minestre o mangiarlo come insalata pero' questa volta volevo utilizzarlo per qualcosa di un po' piu' sfizioso ed eccomi accontantata.
Tra i miei vari appunti di cucina ho trovato questa fantastica accoppiata.
 
 
 



Ingredienti per 4 persone:

500 g di carne bovina tritata
1 cipolla
80 g di uvetta
1 cucchiaino di semi di cumino
1/2 bicchiere di vino bianco
sale e pepe
olio extravergine d'oliva

Tritate le cipolle e soffriggetele in un tegame con un  filo d'olio e il cumino



Aggiungete anche l'uvetta e fatela cuocere per qualche minuto.
Nel frattempo salate e pepate la carne trita e poi aggiungetela nel tegame con il vino

 






Staccate delicatamente le foglie di cavolo e tuffatele per qualche minuto in acqua bollente salata.


 
Asciugatele su carta da cucina e riempite le foglie con il composto di carne preparato
 
 
 
 
Rosolate gli involtini in una padella antiaderente con un filo d'olio e servite ben caldi.
 
 
 
Vi piace la ricetta?
 
Buona giornata
Tea
 

lunedì, febbraio 4

Gulash

Buongiorno amici e amiche,
ieri sera ho voluto preparare per cena un gustosissimo gulash.
E' un piatto che ho sempre amato sin da piccola,quando abitavamo in Germania mia mamma e mia zia lo preparavano diverse volte e io ne andavo matta.
E' un piatto tipico dell'Ungheria e vuol dire zuppa del mandriano lo sapevate?
Esistono diverse varianti per preparare il gulash,chi aggiunge tipi di verdura diverse e chi usa la carne di suino.

Ecco la ricetta che ho usato io:

1 kg di carne di manzo
400 g di patate
200 g di cipolle
3 peperoni rossi
olio d'oliva (nel gulash tradizionale si usa lo strutto)
4 cucchiai di salsa di pomodoro
5 cucchiai di paprica
farina per infarinare la carne
sale grosso
1 lt di brodo di carne
2 cucchiaino di cumino


Prendete una pentola di terracotta abbastanza grande, mettete dentro l'olio,le cipolle affettate, l’aglio tritato e il manzo tagliato a bocconcini  precedentemente infarinati, fate rosolare rigirando per qualche minuto, quindi, aggiungete la paprica.Versate il concentrato di pomodoro, il brodo, il sale e il cumino.Mettete un coperchio e fate cuocere a fuoco medio per circa 1 ora.Nel frattempo pulite i peperoni privandoli della parte centrale bianca e dei semi e tagliatelo a cubetti,sbucciate, lavate le patate e tagliatele a tocchetti;trascorso il tempo di cottura necessario, aggiungete le patate e i peperoni,se occorre, anche un po' di brodo, quindi, fate cuocere ancora per un altra mezz’ora circa, finchè il sugo non è ben ristretto.


 
Un saluto a tutti e vi auguro uno splendido inizio settimana
Tea

venerdì, febbraio 1

Torta al pepe rosa e cioccolato

Signori e Signore,
ecco a voi la regina delle torte
la torta che colpisce dritto nel cuore per chi ama il cioccolato
la torta che una volta provata diventera' la vostra droga
la torta per eccellenza
la torta che ne mangeresti una intera se nessuno ti ferma
la torta con cui ho conquistato mio marito :-D (ecco,ora sapete tutti il motivo per cui mi ha sposata)

Siete pronti a scoprire la ricetta?
 
 

Dosi per 10 persone (si fa' per dire)

350 g di cioccolato fondente
200 g di burro
200 g di zucchero
6 uova
60 g di farina
1 cucchiaio di pepe rosa secco
 per la salsa:50 g di cioccolato fondente
1,2 dl di panna fresca




Per la torta procedete in questo modo;riducete a scaglie il cioccolato e scioglietelo a bagnomaria.
Montate il burro con lo zucchero con le fruste





incorporate le uova uno alla volta insieme alla farina

 


Schiacciate il pepe rosa e aggiungetelo al cioccolato sciolto




unite al composto di uova,zucchero,burro e farina il cioccolato con il pepe rosa.
Versate la preparazione in uno stampo di 20 cm di diametro rivestito da carta da forno.Cuocete la torta a 150° per un'ora circa nel forno statico.

Per la salsa:
spezzettate il cioccolato fondente,portate ad ebollizione la panna e versatela sul cioccolato,lasciate fondere per 5 minuti.
Mescolate fino a ottenere una salsa liscia e omogenea.Mantenetela tiepida fino al momento di servirla sopra la torta.




Non so a voi ma a me fa impazzire.
Buon fine settimana amici
A presto
Tea